ardea1.jpg

Nuovo spot girato in occasione del restyling di Lancia Ypsilon, nell’anno del centenario del marchio tradizionalmente “elegante” della Fiat. Un film evidentemente celebrativo, girato e prodotto senza badare a spese e tantomeno ai giudizi, visto l’impiego di un testimonial “forte” come Stefano Gabbana. Forte perché tanto orgogliosamente gay da non temere l’italia scribacchina anni ottanta quando figurò come G accoppiato con D (uniti e divisi nel marchio-acronimo da una femminilissima “&”). Sofisticato portavoce della moda italiana e, a detta del direttore creativo della campagna, “rappresentante del mondo stiloso e modaiolo” a cui è destinato questo tipo di prodotto.
Il film si svolge in una scenografia molto spaziosa, elegante, sofisticata che ha come protagonisti iniziali una Lancia Ardea, modello del 1939, della Casa automobilistica, e Stefano Gabbana che la osserva con puntigliosa attenzione mentre appare sullo schermo la scritta: “Qui finiscono 100 anni di eleganza e temperamento”.

Gabbana_01_512x340.jpg

Una calma solo apparente, subito rotta da una furia che travolge l’uomo, portandolo a deformare con le mani le lamiere della macchina fino a strapparle. I pezzi, scaraventati con violenza, infrangono vari oggetti e la Nuova Ypsilon celata sotto al vecchia Ardea si mostra finalmente in tutto il suo splendore. Come se il vecchio guscio fosse stato sbucciato per arrivare alla polpa buona e succosa del nuovo frutto degli stabilimenti Lancia.

Gabbana_02_512x340_1.jpg

L’immagine di marca viene definita ed enfatizzata dalla scritta: “Qui cominciano altri 100 anni di eleganza e temperamento” e dopo questo voltapagina dichiarato, Gabbana dà il tocco finale alla sua “scoperta” raccogliendo da terra il marchietto-scudo Lancia e incastonandolo sulla calandra. Nella quite dopo la tempesta, un elemento finale di autentica rottura (visiva e sonora) è dato dal fragoroso schianto a terra di uno dei lampadari rimasto integro. Payoff (e spiega del testimonial): “New Ypsilon. For Very Ypsilon People”.

Agenzia: Armando Testa (German Silva, copy e art, con Erik Ravelo, “solo” art, con la direzione creativa dello stesso German Silva e dell’amico Michele Mariani, uno dei pochi creativi bravi ma intelligentemente umili che abbia mai incontrato)

C.d.p: La Casa Film

Regia di Ago Panini

D.o.p: Paolo Caimi

Post: Buf Pariggi (quella di Batman, Alexander, Harry Potter, Fight Club ecc)

NOTE (dal comunicato stampa del sito Lancia): Trattamento sofisticato, con una fotografia pura che lavora dal vivo sulla mancanza assoluta del colore grazie alla spettacolare scenografia e all’uso particolare della luce, che attribuiscono allo spot l’eleganza di un film noir. Infine, il film si contraddistingue per un sound design atipico e di grande effetto.
Misterioso, coinvolgente e di forte impatto, quindi, lo spot andrà in onda in formato 30” e 15” su tutte le reti televisive nazionali (a partire da ottobre sarà proiettato nei cinema in formato 60”)
.

4 thoughts on “Lancia VIPsilon

  1. il fine può giustificare i mezzi, commerciali in questo caso. Ma ciò che è certo è che quando non ci saranno più Ypsilon ci saranno ancora le Ardea.

  2. Saranno stati pure bravi, ma secondo me lo spot è la solita robetta pseudo milanese. Nata, cresciuta e (già)defunta in quel brodo post-internettiano che ci impedisce di vincere premi nel mondo. Più idee, meno trattamento estetico, meno testimonial (anche se Bonolis è splendido), meno copiare dagli annual stranieri. La pubblicità italiana è morta 20 anni fa. Ma pochi se ne sono accorti, probabilmente solo quelli che erano presenti al funerale. Amen.

  3. Questo è scontato, neanche bisogno di ricordarcelo. Ma hai presente che Cliente deve essere Lancia-Fiat in fase di briefing?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.